Rai 3

I programmi di Rai 3

Film in programmazione

GUARDA IL PROMO >>

HANNAH ARENDT

Giovedì 29 gennaio 2015 alle 21:05

Titolo originale: Hanna Arendt  
Regia: Margarethe von Trotta
Interpreti:  Barbara Sukowa, Axel Milberg, Janet McTeer, Julia Jentsch, Ulrich Noethen, Michael Degen, Nicholas Woodeson, Victoria Trauttmansdorff, Klaus Pohl 
Genere: biografico
Nazione:
USA
Anno: Germania 2012
Durata: 113'

Scappata dagli orrori della Germania nazista, la filosofa ebreo-tedesca Hannah Arendt nel 1940 trova rifugio insieme al marito e alla madre negli Stati Uniti, grazie all'aiuto del giornalista americano Varian Fry. Qui, dopo aver lavorato come tutor universitario ed essere divenuta attivista della comunità ebraica di New York, comincia a collaborare con alcune testate giornalistiche. Come inviata del New Yorker in Israele, Hannah si ritrova così a seguire da vicino il processo contro il funzionario nazista Adolf Eichmann: dal controverso reportage che ne nascerà, prende corpo una analisi totalmente nuova del fenomeno nazista - poi riproposta nel volume La banalità del male - in cui Eichmann non viene descritto come un novello Mephisto, bensì come mediocre burocrate dello sterminio nazista. Questa cosiddetta “banalità del male” che la Arendt colse nella vicenda di Eichmann, rimane una delle scoperte più dolorose della Storia del XX secolo.

 

Hannah Arendt è il ritratto del genio che sconvolse il mondo, grazie alla sua scoperta della “banalità del male”. Dopo aver assistito al processo al nazista Adolf Eichmann, svoltosi a Gerusalemme, la Arendt osò scrivere dell’Olocausto con parole che non si erano mai sentite prima. Il suo lavoro provocò immediatamente uno scandalo, ma la Arendt non ritrattò, nonostante gli attacchi di amici e nemici. In quanto ebrea tedesca emigrata, lei aveva difficoltà a recidere i suoi legami dolorosi con il passato e il film mette in mostra il suo affascinante mix di arroganza e vulnerabilità, rivelando un’anima formata e sconvolta dall’esilio.

La pellicola mostra Hannah Arendt (Barbara Sukowa) nel corso dei quattro anni (dal 1961 al 1964), in cui assiste, scrive e sopporta la reazione nei confronti del suo lavoro sul processo al criminale di guerra nazista Adolf Eichmann. Osservando la Arendt mentre partecipa al processo, rimanendo al suo fianco mentre viene contestata dai suoi critici e sostenuta da una ristretta cerchia di amici fedeli, avvertiamo l’intensità di questa donna ebrea forte, fuggita dalla Germania nazista nel 1933. Un’accanita fumatrice e una donna orgogliosa, la Arendt è felice e ha successo in America, ma la sua visione penetrante la rende un’outsider dovunque vada. Quando scopre che il Servizio segreto israeliano ha rapito Adolf Eichmann a Buenos Aires e lo ha portato a Gerusalemme, è determinata a raccontare il processo. William Shawn (Nicholas Woodeson), responsabile della rivista New Yorker, è eccitato di avere una stimata intellettuale a occuparsi di questo processo storico, ma il marito della Arendt, Heinrich Blücher (Axel Milberg), non condivide questo suo entusiasmo. Lui è preoccupato che questo incontro riporterà la sua amata Hannah a quelli che entrambi definiscono i “tempi oscuri”.

La Arendt entra in questo infuocato tribunale di Gerusalemme aspettandosi di vedere un mostro, ma invece scopre una nullità. La sciatta mediocrità di quest’uomo non coincide con la profonda malvagità delle sue azioni, ma capisce rapidamente che questo contrasto è proprio l’enigma che bisogna risolvere. Ritornata a New York, iniziando a comunicare la sua interpretazione rivoluzionaria di Adolf Eichmann, la paura si impadronisce del suo migliore amico, Hans Jonas (Ulrich Noethen). Lui la mette in guardia, dicendole che il suo approccio filosofico genererà soltanto confusione. Ma la Arendt difende il suo punto di vista coraggioso e originale, convincendo Heinrich a sostenerla in questo percorso. Dopo due anni di pensieri intensi, ulteriori letture e dibattiti con la sua migliore amica americana, Mary McCarthy (Janet McTeer), il ricercatore e amico tedesco, Lotte Köhler (Julia Jentsch) e, ovviamente, un confronto costante con Heinrich, consegna finalmente il manoscritto. La pubblicazione dell’articolo sul New Yorker provoca immediatamente uno scandalo negli Stati Uniti e in Israele, per poi estendersi al resto del mondo.

Hannah Arendt fornisce uno sguardo sull’importanza profonda delle sue idee, ma è soprattutto la commovente possibilità di capire il cuore.


THE SENTINEL
Giovedì 5 febbraio 2015 alle 21:05

Titolo originale: The Sentinel
Regia: Clark Jhonson
Con: Michael Douglas, Kiefer Sutherland, Eva Longoria, Martin Donovan, Kim Basinger, Ritchie Coster, Simon Reynolds.
Genere:: Thriller / Drammatico
Anno: U.S.A. 2006
Durata: 108'

L'agente segreto Pete Garrison è a capo della sorveglianza della First Lady americana e conosce tutti i piani dei Servizi Segreti, con le relative procedure, le mappe e i nomi in codice.

La sua lealtà  viene messa in discussione quando Charlie Merriweather, suo amico e collega, viene ucciso: Charlie era a conoscenza di un'informazione altamente confidenziale di cui stava per mettere al corrente lo stesso Pete.
Gli ex agenti del KGB Daniel Breckinridge, detective capo dei Servizi Segreti e Jill Marin, ex allieva di Garrison, sono convinti che sia lui la talpa che sta cercando di mettere in atto un attentato per eliminare il presidente degli Stati Uniti.

Inizia la caccia a Pete: incastrato e prossimo all'arresto, fugge avviando un'indagine personale nel tentativo di sventare l'attentato e di riscattarsi dall'accusa di tradimento.


I Programmi di Rai 3

Tutti i programmi di Rai 3